VACCINO ASTRA ZENECA – REAZIONI AVVERSE E FARMACOVIGILANZA

//VACCINO ASTRA ZENECA – REAZIONI AVVERSE E FARMACOVIGILANZA

VACCINO ASTRA ZENECA – REAZIONI AVVERSE E FARMACOVIGILANZA

Roma, 17 marzo 2021 – La momentanea sospensione a livello europeo del vaccino AstraZeneca a causa delle sospette reazioni avverse verificatesi in seguito alla somministrazione, ha acceso i riflettori sull’efficienza delle Agenzie regolatorie di tutto il mondo e sulle misure che stanno mettendo in atto per garantire la sicurezza della salute pubblica. Ad oggi, l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) conferma che le attività di Farmacovigilanza proseguono sia a livello nazionale che europeo in stretta collaborazione con EMA (European Medicines Agency), monitorando e approfondendo tutte le segnalazioni di eventi avversi in relazione temporale con la somministrazione del vaccino.

La valutazione del nesso di casualità (causality assessment) è alla base delle attività di Farmacovigilanza (FV), ovvero la raccolta e l’analisi di reazioni avverse con l’obiettivo di proteggere la salute del paziente e deve tener conto di vari elementi tra i quali l’intervallo tra l’inizio del trattamento e l’insorgenza della reazione, la presenza di fattori predisponenti o concomitanti, la presenza di altri trattamenti potenzialmente responsabili dell’evento, la plausibilità biologica e le informazioni relative al dechallenge (cosa succede quando il trattamento viene sospeso) e rechallenge (cosa succede quando il farmaco viene risomministrato).

Nonostante i medicinali siano sottoposti ad un ampio periodo di sperimentazione antecedente l’immissione in commercio, i pazienti a cui il farmaco viene somministrato nella pratica clinica possono differire dalla popolazione su cui esso è stato sperimentato per età, genere, patologie, fattori genetici e fattori esogeni perciò è necessario identificare eventuali altri rischi non noti derivanti dal suo utilizzo, al fine di ridurli al minimo.

Di conseguenza ed in generale, le attività di Farmacovigilanza hanno lo scopo di:

  • valutare se il rapporto rischio/beneficio varia nel tempo;
  • individuare l’esistenza di fattori di rischio che predispongono alla comparsa di reazioni avverse e stimare l’incidenza di quest’ultime;
  • migliorare la conoscenza sulle reazioni avverse già note e comunicare le informazioni sia agli operatori sanitari per migliorare la pratica clinica che ai cittadini;
  • confrontare i rapporti rischi/benefici di farmaci appartenenti alla stessa categoria terapeutica.

Le aziende farmaceutiche e tutte le altre aziende impegnate nel ciclo di produzione e distribuzione dei medicinali hanno l’obbligo di tenere costantemente attivo un sistema efficiente di farmacovigilanza, oggetto di verifiche  da parte degli Enti Regolatori.

Nel corso degli ultimi anni a seguito della maggiore attenzione in merito alla farmacovigilanza, sono aumentate le procedure sanzionatorie conseguenti a non adeguati comportamenti tenuti in fase di post commercializzazione. Da qui ne è scaturita una crescente attenzione delle aziende sull’argomento.

Ma il punto nodale è l’aggiornamento costante e continuo dei dipendenti coinvolti nei vari aspetti regolatori della FV da qui la soluzione, sempre più adottata, a spostare all’esterno gli aspetti cruciali.

Sempre più imprese, infatti, affidano la gestione parziale o totale degli adempimenti di farmacovigilanza a Società di consulenza con il duplice vantaggio di scaricare all’esterno gran parte del lavoro ed avere sempre a portata di mano il “punto di vista” più aggiornato e competente in materia. Questa scelta è premiante nella misura in cui il partner sia decisamente affidabile ed abbia un’esperienza significativa nel settore.

Per approfondire: Farmacovigilanza Biochem.

Iscriviti alla nostra newsletter su www.biochem.it

By | 2021-03-17T12:06:54+01:00 Marzo 17th, 2021|Farmacovigilanza|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento